martedi' 16 gennaio 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
|     12:10:35 - MARCO GAGGI E UN 2018 A TUTTO GAS     | |     11:57:58 - FANO RUGBY: IL CUORE NON BASTA     | |     17:19:28 - ATLETICO ALMA: A BARBARA E' TUTTO MOLTO FACILE     | |     17:09:13 - GIBAM: SECONDO STOP CONSECUTIVO     |
L'ETA BETA INCAPPA NELLA PRIMA TRASFERTA ESTERNA
Alla terza trasferta del campionato in terra romagnola, l’Eta Beta conosce la sua prima sconfitta lontana dalle “mura amiche” e ferma così la sua serie positiva a sette giornate, dopo aver perso, prima di oggi, solo alla seconda giornata contro la Buldog.
Eta Beta: 
Carpinelli-Bacciaglia-Bei-Capotosti-Cirillo-Ettaj-Iacucci-Molini-Palazzi-Peverini (C)-Pietrelli-Severini
Faventia:
Conti-Tronconi-Gatti-Tampieri-Bezzi-Cavina-Barbieri S.-Barbieri I.(C)-Lesce-Abdelhak-Mazzoni-Caria 
Reti:  2° Barbieri I. 1-0; 15° Pietrelli 1-1; 18° Cavina 2-1//p.t. 1° Bei 2-2; 5° Lesce 3-2; 13° Cavina 4-2; 17° Bei 4-3

Alla terza trasferta del campionato in terra romagnola, l’Eta Beta conosce la sua prima sconfitta lontana dalle “mura amiche” e ferma così la sua serie positiva a sette giornate, dopo aver perso, prima di oggi, solo alla seconda giornata contro la Buldog.

Alla prima azione della partita il Faventia passa in vantaggio con Barbieri I. che sfrutta al meglio un’azione di Lesce sulla sinistra; l’Eta Beta reagisce subito ma sia il tiro di Pietrelli che quello successivo di Capotosti sono deviati in corner da Conti mentre sul versante opposto Tampieri, in piena area, viene stoppato da Carpinelli che si rifugia in calcio d’angolo; i locali continuano a pressare alto ma le due forti conclusioni di Lesce e Caria finiscono entrambe fuori. Al 14° Tampieri viene espulso per doppia ammonizione e un minuto dopo, in superiorità numerica, l’Eta Beta pareggia grazie a Pietrelli che libero in area scarta anche il portiere e deposita in rete senza difficoltà. Gli ospiti però continuano a “regalare” palloni agli avversari e su di un contropiede due contro uno il capitano, Berbieri I., sbaglia clamorosamente il passaggio al proprio compagno che, a porta vuota, non avrebbe avuto problemi a segnare, mentre su di un altro contropiede è Carpinelli ad opporsi sul tiro di Caria. A due minuti dalla fine corner di Caria per Cavina che, con un gran tiro al volo da fuori, riporta avanti i suoi; ultima azione prima della fine del primo tempo, la punizione di Bei da fuori deviata di nuovo da Conti.

Nel secondo tempo i fanesi partono subito all’attacco e dopo una traversa colpita da Ettaj dopo pochi secondi di gioco, è Bei con una “sassata” da fuori a ristabilire la parità, mentre qualche minuto dopo, sull’ennesimo passaggio sbagliato degli ospiti, Caria impegna severamente Carpinelli che salva in uscita bassa; al 3°, ancora su di un errore granata Cavina colpisce un’incredibile traversa da buonissima posizione. L’Eta Beta viene schiacciata sulla propria metà campo e non riesce a reagire alle sfuriate del Faventia che al 5° si riporta avanti grazie alla rete di Lesce che salta il suo diretto avversario e con un preciso rasoterra “fulmina” Carpinelli; i romagnoli continuano a giocare e al 13° segnano il 4 a 2 con Cavina che fa tutto il campo palla al piede e beffa il numero uno ospite con un preciso tiro che s’infila nell’angolino. A questo punto Mister Mariotti inserisce Peverini come quinto di movimento, tattica che produce subito effetto con la terza rete dei granata ad opera di Bei che trova il pertugio giusto e, grazie ad una deviazione, riapre la partita; gli ospiti si buttano tutti all’avanti alla ricerca del pareggio ma si scoprono e rischiano il tracollo in un pio d’occasioni ma i giocatori locali sono imprecisi e non riescono a chiudere la gara. A due minuti dalla fine Pietrelli, su assist di Ettaj, viene steso dal portiere in area ma il rigore calciato da Bei viene respinto da Conti con la partita che si chiude con l’espulsione di Ettaj che rimedia due cartellini gialli ad una manciata di secondi dalla fine.

Brutta sconfitta dell’Eta Beta quest’oggi soprattutto perché è mancata quella carica agonistica e quella voglia di vincere che in altre occasioni hanno fatto la differenza e di conseguenza hanno portato punti in “cascina”; bisognerà quindi metabolizzare al più presto questo passo falso e farne tesoro per evitare di sbagliare ancora partite come quella di oggi.  






INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si chiama l'animale che abbaia? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Non sono presenti commenti per questo articolo.