martedi' 16 gennaio 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
|     12:10:35 - MARCO GAGGI E UN 2018 A TUTTO GAS     | |     11:57:58 - FANO RUGBY: IL CUORE NON BASTA     | |     17:19:28 - ATLETICO ALMA: A BARBARA E' TUTTO MOLTO FACILE     | |     17:09:13 - GIBAM: SECONDO STOP CONSECUTIVO     |
L'ALMA TUONA CONTRO IL COMUNE
Il comunicato della società granata circa i tagli previsti dall'Amministrazione Comunale

L’Alma Juventus Fano 1906 vuole fare il punto sulla situazione che la vede coinvolta insieme ad altre realtà sportive fanesi riguardo i tagli dei contributi attuati dall’ammistrazione comunale.

Questa scelta, oltre che la società granata, investe altre associazioni sportive del territorio e ci si può rendere conto benissimo quanto disagio possa creare soprattutto in ottica di promozione dell’attività giovanile. Una decisione che lascia tutti senza parole: lo sport, soprattutto l’attività motoria di base, lo sport sociale e lo sport per tutti rappresentano un grande investimento per il futuro della nostra società. Una scelta miope, quella dell’attuale amministrazione, che rischia di aggravarsi in futuro quando i danni della limitata attività fisica si faranno sentire in termini di spese sociali e sanitarie. Lo sport non deve essere considerato un’attività complementare ma un formidabile strumento d’inclusione e integrazione sociale, di prevenzione e tutela della salute.

Le società sportive sono sempre più in difficoltà a causa della crisi che, da un lato ha causato un crollo nelle sponsorizzazioni, dall’altro allontana i praticanti alle prese spesso con serie difficoltà economiche. Il taglio dei fondi non solo andrà ad incidere sulla partecipazione all’attività motoria, ma anche sull’ impiantistica sportiva, impedendo anche i tanti interventi urgenti di riqualificazione. Il nodo dell’impiantistica degli impianti è una questione cruciale che si lega a quella della tutela della salute tramite l’attività sportiva a tutte le età. Inoltre reputiamo che sia una grande scorrettezza comunicare a metà stagione il taglio delle contribuzioni, quando ad inizio anno sono state richieste dal Comune fideiussioni a garanzia del contributo che avrebbero dovuto elargire.
 Tra l’altro è ancor più deprecabile considerando che a metà stagione alcune società hanno ripartito le proprie spese correnti sulla base del contributo che è stato dichiarato all’inizio.

Sarebbe opportuno che il comune valuti in modo serio ed adeguato il peso delle scelte che vengono fatte su questo tema, pensando agli effetti che provocano sul tessuto sociale fanese, in special modo sull’attività sportiva giovanile. Con questa manovra l’attuale amministrazione dimostra fattivamente di non rendersi conto di quanto sia inadeguata e inopportuna nel tenere questa linea oltre che irrispettosa nei confronti delle tante società che lavorano nell'esclusivo interesse dello sport e dello sviluppo del territorio fanese. Senza contare del danno che provoca alla città di Fano voltando, di fatto, le spalle a tutto l’associazionismo sportivo creando una situazione che va a svantaggio dei tanti praticanti di ogni fascia d’età e a non supportare chi con passione e sforzi economici tiene alto, in ogni disciplina, il nome della Fano sportiva.

In foto: il Presidente Gabelli ed il Sindaco Seri







INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCosa c'è all'opposto del sud? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Fanese scrive:
Io sono sempre più allibito delle decisioni di questa giunta ... una volta a Fano c.. erano una marea di società sportive, dove un ragazzo finite le giovanili aveva possibilità di poter andare a giocare in una prima squadra che poteva essere di terza categoria, seconda, prima, promozione ... adesso un ragazzo che esce da una scuola calcio, al 80. deve smettere di giocare, ci sono rimaste 4 società calcistiche .CSI, Real Gimarra, Sant.. Orso e Atletico Alma., di cui 1 .l.. Atletico Alma. fa un campionato che è solo per pochi eletti in quanto di livello molto alto. Invece di incentivare qualche persona a fondare una squadretta di bassa categoria per i nostri ragazzi cosa facciamo ??? tagliamo sullo sport, leghiamo le mani alle imprese medio piccole del centro storico, uccidiamo Fano ... bella amministrazione Sindaco ... fatta di belle parole, ma di pochissimi fatti, non mantenete nemmeno le parole date !!!
pf77 scrive:
IMPARATE A VOTARE PD.... BEN VI STA A TUTTI!!!!!
MM74 scrive:
l..oblio piombato sulla ns città è tangibile quotidianamente..ed anche il mondo sportivo non ne è risparmiato..una vera tristezza non avere altre alternative..per il bene del tessuto sociale di Fano..trasformato in un quartiere..o poco più.