sabato 15 dicembre 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
IL FANO BATTE L'ALBINOLEFFE E LANCIA LO SPRINT SALVEZZA
Eurogol di Germinale, poi Rolfini chiude i conti
Il Fano in un solo colpo si scrolla di dosso paura di vincere ed ultimo posto, centrando con merito una vittoria fondamentale in chiave salvezza al cospetto di un AlbinoLeffe mai in partita.

Modulo speculare tra le due formazioni con Brevi che confeziona un 3-5-2 che vede Thiam tra i pali, Soprano, Sosa e Gattari sulla linea difensiva; Lazzari in regia con Eklu e Schiavini interni, Pellegrini e Fautario sulle fasce e Germinale e Fioretti terminali offensivi. Nell'AlbinoLeffe, reduce dal successo contro la Fermana, che ha interrotto una striscia negativa di sette gare senza vittorie, spiccano l'ex granata Scrosta e Sbaffo ex Ascoli.

In una partita condizionata dal forte vento, l'Alma rompe subito gli equilibri con Germinale. E' il sesto minuto quando il centravanti granata raccoglie un suggerimento sulla corsia di sinistra, salta il diretto marcatore e dal vertice dell'area di rigore lascia partire una conclusione a rientrare da cineteca che non da scampo a Coser. Alma in vantaggio con gran gesto tecnico di Germinale.

Al quarto d'ora si infortuna il giocatore ospite Gonzi -sostituito da Colombi- al termine di una spettacolare azione in ripartenza del Fano, finalizzata male da Fioretti. Alma che pare in pieno controllo e non concede nulla agli avversari. Ulteriore svolta del match quando il collaboratore di linea, a gioco fermo, richiama l'attenzione del direttore di gara Tursi. Ne fa le spese il numero 18 Sbaffo che viene espulso, a quanto si è potuto ricostruire, per frasi offensive rivolte alla terna arbitrale. AlbinoLeffe in dieci e partita in discesa per il Fano, bravo a far girar bene palla e rendersi pericoloso con Eklu che da ghiotta posizione incespica sul pallone. Primo tempo che termina 1-0.

Nella seconda frazione, mister Brevi lascia Eklu -ammonito- negli spogliatoi per dar spazio a Danza a centrocampo. Granata solidi e intelligenti nel muovere velocemente palla esaltando la superiorità numerica. AlbinoLeffe non pervenuto e nonostante mister Alvini cerchi soluzioni tattiche alternative con le sostituzioni è l'Alma a premere e creare grattacapi alla retroguardia ospite. Nel Fano esce Fioretti per dar spazio a Rolfini. E' proprio il neoentrato attaccante granata sulla trequarti destra a superare di slancio l'intera difesa dell'AlbinoLeffe con una percussione orizzontale. Quasi al vertice opposto dell'area di rigore trova lo spiraglio giusto per una conclusione rasoterra dal limite ad incrociare che risulta imparabile per Coser. E' il 74' e gara virtualmente chiusa. Nel finale spazio per Melandri al posto di Germinale e Gasperi che sostituisce Schiavini.

Partita da manuale per un Fano che in virtù dei concomintanti risultati delle altre squadre, si scrolla di dosso il pesantissimo fardello dell'ultimo posto che per lunghi tratti ha contraddistinto il campionato dei granata. Successo che ha consentito ai ragazzi di mister Brevi di inserirsi nel "trenino" salvezza composto da Vicenza, Gubbio, Santarcangelo e Teramo.

Tre punti ottenuti con pieno merito in una gara decisa dalle gran giocate di Germinale in primis e Rolfini in chiusura. Avversari che, pur in dieci per più di metà gara, sono stati contenuti con agevolezza senza riuscire mai ad impensierire la retroguardia di casa.

Sopra le righe Germinale, sempre indigesto per gli avversari e capace di tenere alta la squadra. Prestazione quest'oggi impreziosita da un gol semplicemente bellissimo.

Notevole la prova di Lazzari, metronomo dalle qualità e dall'intelligenza tattica sopraffina, che dopo un periodo di rodaggio, accompagnato da una buona forma fisica sta collezionando prestazioni di assoluto livello.

Benissimo Rolfini che chiude il match e si dimostra capace di farsi trovare sempre pronto all'esigenza, così come Danza anche oggi lucido e grintoso. Sottotono Fioretti, sempre comunque generoso.

Prossimo appuntamento mercoledì sera -ore 20,30- quando al Mancini salirà il Gubbio, diretta concorrente per la salvezza in quello che sarà un primo vero scontro diretto per rimanere in serie C. La vittoria è d'obbligo.

Immagine da internet






INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si chiama l'animale che abbaia? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
PF77 scrive:
Sono stato sempre critico e tanto nei confronti di una società impreparata e raffazzonata che poco o nulla ha a che fare con il professionismo. Ora una cosa però l..hanno azzeccata: da due mesi..e come successo la scorsa stagione.. questa è una vera squadra che ha tutte le carte in regola per salvarsi con merito.. mi domando... ogni anno dobbiamo fare la stessa cosa? sprofondare ultimissimi da settembre a dicembre cercando di risparmiare con giocatori da 4 soldi per poi provare a salvarsi in extremis iniziando il campionato a febbraio??? gabellini se rimani fa della programmazione seria.. o prima o poi ci lasciamo le penne.