venerdi' 16 novembre 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
|     10:20:04 - VERSO FERMANA-FANO: LA PAROLA A CRISTIAN SOSA     | |     11:05:40 - ALMA DOMENICA AL VIA IL CAMPIONATO UNDER 13     | |     19:13:09 - COSA STA SUCCEDENDO ALL'ALMA?     | |     18:26:26 - L'ATLETICO ALMA SBANCA TOLENTINO     |
CAOS STADIO: BOTTE DA ORBI TRA GABELLINI E SEVERI
Non si placa la feroce polemica tra Fano Calcio ed Amministrazione

In merito alla situazione dello Stadio “R.Mancini” ed alle esternazioni  del consigliere Severi rilasciate al Resto del Carlino, Claudio Gabellini precisa la posizione e il pensiero della società granata.

Il signor Severi – sostiene Gabellini – ricordato più per i cambi di casacca tra i partiti che per incisività politica, non perde occasione di esternare la propria pochezza intellettuale con prolusioni ridicole su temi che francamente credo poco conosca e che forse dovrebbe evitare  di affrontare. Almeno si documentasse, perché il rischio di fare figuracce è grande. Ma tant’è che parla, parla, e continua a parlare, ma del resto i politici nostrani piuttosto che fare, parlano meritando il mio commento visto che sono l’unico a dare linfa e risorse economiche al progetto dell’Alma Juventus Fano 1906. Caro Severi, i problemi del ‘Mancini’ si trascinano da almeno venti anni e coinvolgono in modo negativo anche la sua persona perché ha condiviso la gestione del Comune di Fano per tanti anni. Insieme ai suoi accoliti, avete ridotto, anno dopo anno, l’impiantistica sportiva fanese ad un ammasso di macerie poco degna di una città’ come Fano e adesso in questa  situazione si erge a paladino della buona coscienza  fanese che non vede di buon occhio il destinare risorse per gli interventi sullo Stadio? E’ vergognoso poi questo suo sforzo di mettere  l’Alma contro le associazioni e le società sportive fanesi. L’Alma non è colpevole di sottrarre risorse alle altre strutture e discipline sportive. Lei è in malafede e francamente mi sfugge il motivo per cui vuole portare avanti questa tesi. Se vuole contribuire a distruggere il calcio professionistico a Fano come ha cercato di fare con Aset cercando di venderla ad Hera, perché non lo dice espressamente? se pensa che Fano non abbia bisogno di giocare un ruolo di primo piano in una categoria sportiva  importante e se forse spera che l’Alma faccia la fine di Ancona e Macerata è giunto il momento che lo dica esplicitamente”.

Gabellini poi puntualizza le responsabilità giuridiche sui lavori che hanno portato a smantellare quel poco che c’era rimasto dello Stadio Mancini. “Che la società debba accollarsi le spese di ristrutturazione dello Stadio è una affermazione grave e che grida vendetta per l’inconsistenza giuridica sulla quale si fonda  e per la totale mancanza di conoscenza delle procedure finanziarie su cui si fonda una iniziativa del genere. E poi il signor Severi fa finta di non sapere, forse gli è sfuggito che il Sindaco Seri e la sua Giunta  con una delibera aberrante, che consiglio ai fanesi di leggere, hanno estromesso l’Alma dalla gestione dello Stadio, azzerando i contributi di gestione,  mettendo a Bando la assegnazione dello Stadio stesso con la risibile motivazione,  sicuramente ispirata dal  grande dirigente allo sport  sig. De Leo  secondo cui “ nessun impianto sportivo comunale dovrà essere gestito a ‘rilevanza economica’ ad eccezione dello stadio comunale Mancini”. Vi devo dire cari politici e dirigenti che siete anche ‘sfigati’ perché’ dopo due mesi da cotanto decidere, i controlli dei Vigili del Fuoco hanno praticamente reso inagibile gran parte dello Stadio. E diciamocelo chiaramente che il ‘Mancini’ non può essere definito Stadio, poiché, di fatto, è una struttura  fatiscente, in ogni sua parte. E lei Severi cosa vorrebbe fare? Ma la pianti”.

Concludo – chiosa Gabellini – dicendo che  i nostri politici, incluso Severi,  anziché cercare di attrarre  l’imprenditoria locale per sostenere le attività sportive cittadine, al contrario fanno di tutto per allontanarla dallo sport. In effetti, questo settore per loro è solo un problema  e dunque  nelle  loro menti serpeggia, forse, l’idea  che sarebbe meglio coltivare patate al Mancini. Magari nel fine settimana potrebbe essere il luogo adatto per giocare una  bella briscola e per bere un bel bicchiere di vino. Che Dio ce la mandi buona!”.







INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaDi che colore è l'erba? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
MM74 scrive:
non fa una grinza...!!!!!ed è già troppo che lo abbia considerato..non merita!!!lo sport come tutta la città di Fano nei suoi vari aspetti stà vivendo un..oblio apatico figlio di una sudditanza politica..ma quale terza città delle marche..!!!l..hanno ridotta in poco piu.. di un quartiere..bravi missione compiuta!!!...