martedi' 11 dicembre 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
ANCHE LA FERMANA BEFFA IL FANO, MA L'ALMA E' POCA COSA
Incredibile gol in fuorigioco che apre la gara, granata inconsistenti e sempre più giù
L'Alma perde anche a Fermo e inizia a sentire l'odore non troppo gradevole dell'ultimo posto in classifica. Gara pesantemente condizionata per l'ennesima volta dalle decisioni arbitrali a dir poco clamorose, resta il fatto che i granata oggi hanno riproposto la consueta prestazione incolore e totale pochezza offensiva.



Si gioca in un pomeriggio rigido, ma sereno. Circa 150 i fanesi al seguito della squadra.

Epifani, privo dell'acciaccato Lulli, ripropone la difesa a quattro con Magli e Vitturini terzini ai lati di Sosa e Konate, preferito a Celli. In mezzo al campo Acquadro, Tascone e Selasi con la tecnica di Lazzari e Fillippini ad innescare Ferrante. Almeno nelle intenzioni perchè in realtà non accadrà mai. Modulo quasi speculare per i canarini che schierano D'Angelo a ridosso di Lupoli e Maurizi; titolari gli ex granata Ginestra (acclamatissimo), Clemente, Misin, Scrosta ed Urbinati, nella ripresa si vedrà anche Soprano.
 
Pronti via ed arriva la prima beffa: dopo 4' Lupoli viene lanciato in area in clamorosa posizione di off side (vedi foto), scarta Sarr e deposita in rete a porta sguarnita tra le veementi proteste fanesi: breve conciliabolo tra arbitro e guardialinee e rete convalidata.
 
Il Fano non si scuote, non crea e va a sbattere sulla rocciosa fase di non possesso costruita da Destro che blocca i rifornimenti a Filippini e Ferrante ed imbarazza Lazzari, mai a suo agio appena i ritmi si alzano un pò. Ci si mette anche l'acciacco che costringe Acquadro a lasciare il campo sostituito da Fioretti, con Epifani che prova ad aumentare il peso offensivo di una squadra totalmente innocua.
Al 40' Konate cade nella trappola di D'Angelo che frana a terra: è ovviamente rigore che Giandonato trasforma spiazzando Sarr.
 
Nella ripresa cambia Destro e non Epifani: subito dentro Da Silva e Fofana per D'Angelo e Misin.
 
Il Fano prova a creare qualcosa ma senza pungere, Epifani inserisce anche Morselli per Tascone tentando il tutto per tutto. La rete che riaccende la speranza è siglata da Konate (disastrosa la sua prova nonostante il gol) che incorna un corner di Lazzari lasciando immobile un incolpevole Ginestra. Mancano venti minuti più recupero.
 
La Fermana, che prima della rete di Konate si era divorata il terzo gol con Zerbo, sfiora il 3-1 più volte mentre i tentativi del Fano si riducono a due flebili tentativi di Fioretti. La gara scivola via, inutili sono gli ingressi di Setola e Cernaz a pochi minuti dal triplice fischio e la Fermana porta a casa tre punti contro una squadra clamorosamente fragile, inoffensiva e penalizzata da ogni tipo di episodio.
 
A fine gara insorge la protesta contro la dirigenza ed in particolare contro il presidente Gabellini.

Intanto la classifica piange, un'altra sconfitta è stata messa in ghiaccio e domenica si va in casa del Feralpi Salò, una delle corazzate del girone oggi bruscamente sconfitta dalla rinata Sambenedettese.

E lo sconcertante copione riproposto ogni anno continua senza più scuse ne alibi a sgretolare un ambiente ormai rassegnato a vedere la classifica sempre e solo dal basso all'alto. 

Nella foto il fermo immagine del clamoroso fuorigioco di Lupoli in occasione della rete del vantaggio canarino






INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si dice sì in ingelse? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
r.p. scrive:
st..anno ci lasciamo le penne e non ci saranno fallimenti di altre squadre a graziarci. il presidente per l..ennesima volta ha creato un mostro. non so quanti dg.. ds.. allenatori e collaboratori sono passati sotto la sua gestione.. è ormai difficile ricordarseli tutti. mai un progetto.. sempre tirare a campare.. prima vende poi ci ripensa.. poi riduce il budget prima promette la B poi ci porta in D.... a sto punto mi aggiungo alla schiera di chi spera se ne vada.. costi quel che costi.. che tanto peggio di uno stadio vuoto con tifosi che litigano tra loro.. a vedere partite oscene e di essere sempre e comunque ultimi o quasi.. conta poco essere in C. Ripartiamo da zero.. e se davvero nessuno prenderà il fano amen ripartiremo dai campetti.. io ci sarò lo stesso e sono convinto ci sarà comunque più gente di ora.
Piergiorgio Giovannini scrive:
Dopo il primo goal subito, secondo me c..era un fuori gioco grande come una casa, il Fano è scomparso completamente. Anche sul rigore l..arbitro ha beccato, o in mala fede, infatti il giocatore della Fermana non è stato atterrato bensi è andato lui a sbattere sul difensore.