mercoledi' 19 giugno 2019
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
|     10:17:55 - CIAO E GRAZIE A TUTTI     | |     09:28:32 - DOPO CENTO ANNI L'ALMA SI SPEGNERA'     | |     23:25:36 - ETA BETA: SFUMA IL SOGNO A2     | |     16:08:39 - ANDREA RADICI ANCORA SULLA PANCHINA VIRTUS     |
L'ALMA RISVEGLIA PURE LA VIS, A PESARO FINISCE 1-0
La Vis segna dopo quasi 500 minuti di astinenza
Che Vis-Alma sarebbe stata una partita avara di reti lo si poteva intuire dai numeri delle due formazioni; che a prender gol da un calcio da fermo sarebbe stato il Fano lo si poteva temere, date le occasionali amnesie della difesa granata.

L'Alma si presenta con un inedito 4-4-2, che vede Sarr tra i pali; Sosa (75′Cernaz), Konate, Celli, Liviero; Lulli, 
Clemente, Tascone (79′Acquadro), Morselli (65′Filippini); Scardina (79′Mancini) Ferrante.
A disposizione:Mariani, Vitturini,Diallo,Ndiaye,Setola,Selasi.


Il Fano ci prova nella prima parte di gara ad aggredire i padroni di casa e per una ventina di minuti Ferrante e compagnia sembrano riuscire ad affacciarsi anche con qualche efficacia verso la porta avversaria, riuscendo a trovare il fondo con azioni avvolgenti, in particolare sulla catena di destra.

Col passare dei minuti la Vis alza il baricentro con la gara che si protrae sino al termine della prima frazione senza particolari episodi di cronaca.

Al quarto d'ora della ripresa primo campanello d'allarme per l'Alma: da un calcio d'angolo dubbio per la Vis, Gennari a pochi metri dalla linea di porta colpisce di testa sulle gambe di Konatè la cui deviazione involontaria costringe Sarr a sventare in tuffo. Passano appena cinque minuti e la Vis trova il vantaggio: calcio di punizione sulla trequarti battuto da Lazzari, il solito Gennari in beata solitudine si incunea in area e buca Sarr per il gol vittoria. Clamorosa amnesia difensiva granata.

Nel finale la gara si fa ruvida con la Vis Pesaro attenta a non concedere spazi e perdere tutto il tempo possibile ed il Fano che cerca di gettarsi in avanti con la forza della disperazione ma incapace di pungere. Inutili i cambi di Filippini, Cernaz, Acquadro e Mancini.

Gara iniziata col giusto piglio, troppo presto sopito. Come sempre spuntato il Fano, determinante la topica difensiva nel gol della Vis.

A rendere meno plumbea la giornata il risultato del Rimini sconfitto 3-0 a Monza (che pur a parimerito con i granata a quota 34 rimane ultimo per differenza reti); in attesa delle gare di Renate e Virtus Verona di questa sera. Domenica prossima ultima chiamata al Mancini con Fano-Virtus Verona.






INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si chiama l'animale che miagola? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Non sono presenti commenti per questo articolo.