lunedi' 17 giugno 2019
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
CARIFANO-MAROTTA 3-1 VISTA DALLA PANCHINA
Il commento di Andrea Guidi sulla sofferta e importante vittoria della Virtus

Affrontiamo la prima di ritorno contro il Marotta, l'unica squadra che al momento ci ha battuto, dopo una settimana di non buoni allenamenti ; ho la sensazione che la stanchezza sia fisica che mentale cominci a farsi sentire e tutti si abbia bisogno di un po di pausa (che arriverà fra 15 gg.) per staccare un po la spina dopo 3 mesi di allenamenti e partite ; snow board e bombardini o anche una semplice passeggiata sotto l'abete illuminato di piazza XX settembre saranno più utili di qualche ora in palestra. Marotta non è la miglior squadra del girone ma, a parità di valori tecnici, è certamente la squadra che ha le caratteristiche più adatte per farci soffrire. Difesa,  una battuta variata sia per tipologia che per velocità di palla, schiacciatori esperti che giocano sul tempo, solidità a muro, nessun punto debole in ricezione sono le caratteristiche che le hanno permesso di arrivare a Fano al 2° posto in classifica e con la possibilità di agganciarci in caso di vittoria piena.

Rispetto all'andata ha inoltre aggiunto un ulteriore freccia al proprio arco
costituita dall'esperto "Bibo" Solforati, schiacciatore di categoria che l'anno addietro ha condotto la Snoopy Pesaro alla promozione in B.Il primo set è certamente il più valido tecnicamente e, per questa ragione, anche il più spettacolare.Quando sono i dettagli, le piccole cose a decidere l'esito di un incontro vuol dire che entrambe i contendenti si stanno esprimendo ad alto livello. Procediamo a braccetto fino a metà set poi due palle prese in difesa e contrattaccate ci danno un break che portiamo fino al termine chiudendo 25-21.
Da questo momento in poi si procede a folate, con frangenti di gioco, anche lunghi, dominati ora dall'una ora dall'altra squadra, caratteristica questa più del volley femminile che di quello maschile.Il momento del Marotta è lungo e domina tutto il II set (25-14) e termina con il time out che chiediamo ad inizio terzo set quando siamo sotto sull'8-4 ; non parliamo di tecnica ma semplicemente di alzare il livello agonistico della nostra prestazione, di fare quelle cose che solo la voglia, il desiderio, la convinzione di poterci riuscire ti fanno fare.I ragazzi ci credono subito e si rientra in campo con due difese di "Cetro" di pura volontà convertite in punto.Alziamo il ritmo, variamo gli attacchi facendo pallonetti, tocchiamo palloni  a muro e chiudiamo a nostro favore sul 25-21.Il IV set è di fatto un nostro monologo (10-4 ; 17-13) ravvivato da un tentativo di rimonta del Marotta guidato dall'ex. Turiani e da un parapiglia sotto rete che vede protagonisti da una parte coach Badiali e
Curzi e dall'altra Mazza, posseduto dallo spirito di Andrea Zorzi della finale di World League '91 (Italia -Cuba) che appena vede la bagarre ci si ficca dentro passando oltretutto sotto rete ed invadendo il campo avversario (con intenzioni pacifiche dice lui).Del match ricorderei due cose, magari utili per i più giovani che dovessero leggere queste righe : la nostra rimonta è partita quando, dopo aver difeso, abbiamo variato i colpi in attacco, dimostrando che i pallonetti, tanto utilizzati negli anni '80, cadono ancora ; spesso mi capita di ricordare ai ragazzi che giochiamo a pallavolo non facciamo a "pugni" con gli avversari ed un pallonetto a terra ed una schiacciata nei 3 metri valgono entrambe un punto.La seconda riguarda la prestazione del nostro libero Giovi"Boss" Serafini ; in una giornata decisamente NO, messo sotto pressione, poco lucido ad inizio match, ha saputo restare attaccato alla partita senza abbassare  la testa ; ha ricominciato con pazienza dalle piccole cose, da una palla toccata in difesa, una ricezione migliore, dimenticando gli errori e pensando sempre alla palla successiva.Ha terminato con una difesa decisiva nell'ultima palla del III set ed una prestazione solida nel IV.

Ci vogliono umiltà e talento per tutto ciò.Prossimo turno sabato 11 dicembre si fa visita al Collemarino, squadra affamata di punti che si è rafforzata con elementi di esperienza ed ha cambiato allenatore.Sarà un'altra partita tosta.

Nella foto una fese del match di sabato scorso







INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si dice sì in ingelse? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Non sono presenti commenti per questo articolo.