giovedi' 21 giugno 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
IL SOGNO DI CAPITAN GIOVANNELLI: SALVEZZA E PLAY OFF IL PROSSIMO ANNO
Dopo l’operazione all’anca, il 38enne leader della squadra è costretto a seguire i suoi da bordo campo ma ha le idee chiare per il futuro. La fascia intanto è passata sul braccio di Gabriele Breccia
Dal 15 gennaio, giorno dell’operazione all’anca destra, è costretto a seguire la squadra dalla panchina e così sarà per il resto della stagione. Una sensazione dolorosa per un guerriero come lui, quasi più del problema fisico che ormai ne limitava le performance in campo.

Sandro Giovannelli (in foto) ,38enne capitano e anima del Fano Rugby, ha dovuto anzitempo terminare il campionato per risolvere un problema che si porta dietro dalla nascita, ma per questo non ha abbandonato il suo spirito battagliero e suona la carica ai suoi compagni che in questo momento della stagione si ritrovano in una situazione di classifica sicuramente non preventivabile qualche mese fa.

Dopo tre giornate della seconda fase, infatti, il Fano Rugby lotta per non retrocedere in C2 e riprenderà il suo cammino l’11 marzo proprio in casa della squadra che al momento divide con i rossoblù l’ultima piazza della classifica. Sarà della partita, anche se solo da spettatore, anche capitan Giovannelli che ha ben chiaro il motivo di una stagione così altalenante: “E’ solo una questione di testa – esordisce Giovannelli -. Tra prima e seconda fase al momento abbiamo affrontato 7 squadre e nessuna mi ha dato l’impressione di essere più forte di noi. A parte la trasferta di Jesi, abbiamo tenuto testa a tutti e su tutti i campi ma a volte il fattore psicologico ha avuto il sopravvento e piuttosto che la consapevolezza di essere forti anche se in formazione rimaneggiata, ci siamo lasciati scoraggiare da questo o quell’infortunio”.

E’ già che di infortuni quest’anno il Fano Rugby ne ha  subiti parecchi, costringendo spesso i tecnici Walter Colaiacomo e Franco Tonelli a varare formazioni inedite: “Di sicuro non è un anno fortunato – riprende il capitano –, quando vengono a mancare giocatori chiave in ruoli nevralgici la squadra ne risente, ma ripeto, è più una questione mentale che tattica perché l’organico, under compresi, è valido e tutti possono sopperire alle assenze. A questi fattore c’è da aggiungere anche il cambio dell’allenatore che allunga sempre inevitabilmente i tempi per trovare la quadra giusta. Il rammarico c’è, perché sarebbe bastato vincere almeno una delle sei partite iniziali anziché perderle tutte e saremmo arrivati ai play off”.

Play out o play off, comunque la stagione di capitan Sandro sarebbe finita a metà gennaio. Quando riprenderà? “Ho fatto di tutto per posticipare l’intervento alla fine della regular season – ci svela – e considerando che i tempi post operatori si aggirano sui 7/8 mesi, la stagione ormai è finita. Conto di tornare in campo verso luglio per poi prepararmi al meglio per l’inizio del campionato 2018/2019 dove spero di dare il mio contributo nella prima fase prima di rimettermi ai box per operare anche l’anca sinistra”.

Su quale sarà la categoria nella quale Giovannelli e i suoi compagni inizieranno la prossima stagione, il capitano ha un sogno, o forse sarebbe meglio definirla richiesta: “Ho fiducia nei miei compagni – conclude - e chiedo loro di ‘regalarmi’ per la guarigione una salvezza tranquilla. Io mi impegnerò con tutte le mie forze per rimettermi in forma e guidarli il prossimo anno ai play off per la serie B”.

La fiducia che Giovannelli ripone nei sui compagni è rivolta in primis a Gabriele Breccia, suo storico vice e quindi attualmente investito della carica di leader della squadra:“Raccogliere l’eredità di Sandro è per me un onore – spiega Breccia -. Essere capitano di una squadra significa essere d'esempio perché penso che le parole convincano, ma è l'esempio che trascina, che ti fa dire ‘lui lo ha fatto e adesso lo faccio anche io" .

                                                                                                                                                   

E compito del capitano, Giovannelli e Breccia lo sanno bene, è anche quello di non perdere mai la calma e di essere contemporaneamente duri e costruttivi per cementificare il gruppo, valore aggiunto di questo Fano Rugby: “Le risate e gli sfottò non mancano mai – conferma Breccia - quindi direi che il morale è sempre alto. I compagni infortunati quando possono si presentano sia  nello spogliatoio che in Club House ed è questo che fa ben sperare per il futuro”.

Sulla stessa lunghezza d’onda del suo “superiore” per quanto riguarda l’analisi della stagione: “Siamo stati altalenanti – conclude l’attuale capitano – e spesso ci siamo fasciati la testa con gli infortuni prima di rompercela. Siamo giocatori semi-professionisti e non viviamo di solo rugby (purtroppo), quindi periodi dove ci sono dei rimpasti di ruoli o esperimenti tattici capitano a tutte le formazioni che giocano al nostro livello, ed è proprio li che dobbiamo dare il massimo per non far rimpiangere il compagno assente. Ora l’obiettivo è salvarci il prima possibile per poi continuare a rendere concrete le potenzialità che abbiamo dimostrato di avere”.

 







INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaDi che colore è l'erba? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Non sono presenti commenti per questo articolo.