martedi' 25 settembre 2018
Area riservata
Contattaci
Aggiungi ai preferiti
Fanosport.net
IL FANO RUGBY SALUTA I SUOI TIFOSI CON UN SUCCESSO
Quale miglior modo per salutare i propri tifosi se non con una prestazione convincente e una vittoria con 32 punti di scarto? Il Fano Rugby centra la seconda vittoria nei play out
Quale miglior modo per salutare i propri tifosi  se non con una prestazione convincente e una vittoria con 32 punti di scarto? Il Fano Rugby centra la seconda vittoria nei play out di serie C1 e lo fa nell’ultima apparizione casalinga al cospetto di un Castel San Pietro che nulla ha potuto contro la strapotere dei fanesi, finalmente capaci di raccogliere quanto prodotto.

Paradossalmente, gli unici pericoli per la retroguardia rossoblù sono arrivati per l’indisciplina tattica dovuta alla troppa frenesia, dato questo però che la dice lunga su come, per quanto siamo verso fine stagione, la squadra ha ancora voglia di lottare e dimostrare che la salvezza, seppur arrivata a tavolino, è assolutamente meritata.

Questa voglia di strafare porta gli ospiti a segnare nel primo tempo una meta (trasformata) e un calcio di punizione a fronte delle tre, tutte trasformate dei fanesi che fatta eccezione per alcune sbavature sono praticamente perfetti. Ad aprire le danze è il 18enne Luca Branchini, al primo centro con la prima squadra e dopo di lui arrotondano Gabriele Breccia e Nicola Cadeddu. Tre mete tutte trasformate da Alessandro Gasparini per un 21-10 a metà tempo che si chiude con un giallo sventolato ad un fanese che porta la squadra provvisoriamente in inferiorità numerica.

Il Castel San Pietro approfitta dell’uomo in più e segna ad avvio ripresa ma è l’ultimo sussulto ospite di una gara che poi prende la strada di Fano con altre quattro mete (di cui tre realizzate) firmate da Luca Amadori, Nicola Cadeddu, Matteo Fulvi Ugolini e Marco Sanguinetti.

47-15 il finale per la gioia del tecnico Walter Colaiacomo: “Finalmente – ha detto – oltre al bel gioco è arrivato anche il risultato e questo ripaga i ragazzi del gran lavoro svolto. Vederli lottare così a fine aprile è segno che quella processo di crescita iniziato mesi fa sta dando i suoi frutti e questo è merito di tutto lo staff. Bravi tutti, con un plauso particolare ai ragazzi della juniores, sempre più integrati in prima squadra (complimenti a Branchini per la prima meta) e a Gabriele Breccia che da quando il capitano Giovannelli ha dovuto abbandonare per problemi fisici, si è tirato su le maniche dimostrandosi leader dentro e fuori dal campo”.

Un in bocca al lupo infine da parte del tecnico e di dirigenti e tifosi a Luca Serafini, uscito dal campo al terzo minuto per infortunio.

Con questa vittoria il Fano sale a quota 13 e scavalca lo stesso Castel San Pietro che resta fermo a 10.







INSERITE I COMMENTI ALLA NOTIZIA QUI

Fanosport non è responsabile di quanto riportato nei commenti, si raccomanda un linguaggio adeguato. Contenuti volgari, offensivi o non attinenti verranno rimossi.
PRIMA DI ESSERE PUBBLICATI TUTTI I COMMENTI SARANNO VALUTATI DALLA REDAZIONE

Nome*
Indirizzo e-mail*
Domanda sicurezzaCome si chiama l'animale che abbaia? (Per evitare commenti automatizzati SPAM)
Commento*
Non sono presenti commenti per questo articolo.